Bancarella solidale

Dopo tante riflessioni su come e dove proporre una bancarella a sostegno per ASD Omero Bergamo, dopo mesi vissuti tra restrizioni e timori a causa della pandemia, finalmente si riesce in extremis ad imbastire una postazione nel comune amico di Pedrengo domenica 9 maggio in occasione della festa della mamma. Con un giro di telefonate e tanti passaparola, si riescono a reperire una quantità soddisfacente di oggetti creati artigianalmente dalle sapienti mani di tanti amici volontari.

È domenica 9 maggio, la giornata già dal mattino si prospetta splendida e calda, nella piazza principale di Pedrengo si allestisce la nostra bancarella, carina, colorata, piena di tanti oggetti e di tanti profumi.

È la festa della mamma, con un piccolo pensiero come un gessetto aromatizzato alla lavanda o al talco che profumi armadi e spazi di casa, con composizioni floreali da abbellire gli ambienti, con cuoricini da appendere ad espandere pot pourrie di fiori coloratissimi a riscaldare il cuore delle mamme e facendo conoscere ulteriormente Omero Bergamo e le varie attività le ore passano in fretta.

Con il suono delle campane ad accompagnare le chiacchiere di tanta gente, tra una messa e l’altra e qualche amico conoscente a tenerci compagnia a supportarci con affetto nei momenti di minor afflusso, la bancarella si svuota quasi interamente dei vari oggetti.

È simpatico chiacchierare con la gente di passaggio, alcuni ci conoscono perché spesso presenti nella realtà sociale del comune, altri ci ricordano per le serate vissute in allegria durante la festa associativa, altri ci stanno conoscendo, alcuni sono attratti dal cane guida comodamente accucciato all’ombra degli alberi a trovare un po di frescura.

È l’ora di pranzo e lo stomaco reclama, una pizza d’asporto appoggiata sulle ginocchia a placare la fame come in un picnic moderno.

Agnese, Terry, Marianna ed altri amici si prodigano fino al pomeriggio quando di gente in giro se ne vede poca e decidono di smontare questo angolo di meraviglie.

image_pdf[ versione PDF ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *