3 Dicembre – giornata mondiale della disabilità

Ci sono i volti e gli sguardi dei ragazzi disabili, ma anche i gesti e le mani intente a cucinare, tenere un pallone, suonare il pianoforte, leggere in braille.

Sono alcune delle immagini ritratte nella mostra fotografica «Con le mani. Con l’anima» (leggibile anche in braille), sul Sentierone fino al 9 dicembre, curata da Oros, agenzia di marketing territoriale del sistema Orobie, e realizzata con le associazioni di Bergamo, e le cooperative del Consorzio Ribes, del Consorzio Solco Città Aperta e con il Liceo Sarpi, in occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità , che cade che oggi 3 dicembre.

Nei suoi scatti il fotografo Alessandro Villa ritrae alcuni ragazzi disabili nella loro quotidianità . Tra questi scatti, sono 4 quelli realizzati durante i laboratori organizzati dalla commissione volontariato del Sarpi – il cui referente è Francesco Calderone – nell’ambito di un progetto sull’Odissea, che ha visto il coinvolgimento dei ragazzi con disabilità delle associazioni «Costruire Integrazione» e «Spazio Autismo»: «Per questo progetto – spiega Calderone – sono stati coinvolti 10 studenti del Sarpi dalla seconda alla quarta.

Abbiamo riflettuto sul limite e sulla diversità .

Grazie a questi laboratori ci siamo relazionati con altre persone, ci siamo confrontati con i ragazzi disabili, un mondo a noi sconosciuto, e siamo molto contenti di aver fatto una cosa del genere.

Vanno assolutamente abbattute le barriere culturali secondo la quali una persona non può fare una determinata cosa perchè è disabile.

Questo progetto è un primo passo per farlo». «é stato inclusivo e stimolante – commenta il ventunenne Alessandro Pulsator, di Spazio Autismo – e gli studenti del Sarpi non ci giudicavano». «Un’esperienza positiva – dice il ventiduenne Lorenzo Colletta – che ci è servita per abbattere un muro». Sempre per la giornata internazionale delle persone con disabilità , ieri dalle 18,30 alle 20,30 in ExSA – Ex Carcere Sant’Agata si è tenuto «Via le mani dagli occhi», laboratorio esperienziale di danza contemporanea a cura di Sara Ubbiali di Roboante, oggi in tutte le scuole della città verranno distribuiti volantini delle associazioni che si occupano di sport come relazione, gioco e socializzazione per la crescita, l’autonomia e l’inclusione. Venerdì 10 dalle 20,30 alle 22,30 all’auditorium di via Largo Guglielmo Roentgen sarà presentato il libro «Goccia dopo goccia l’oceano» di Manuela Bona, Giovanni Pellegrino e Domenico Tripodi, mentre sabato 11 dalle 15 alle 19 e domenica 12 dalle 8 alle 12 saranno visibili le dirette dei campionati italiani serie A di torball (https://www.facebook.com/FISPIC alla voce «DIRETTA»). «Le diverse opportunità proposte – ha evidenziato l’assessore all’Istruzione, Loredana Poli – valorizzano il ruolo dello sport come occasione di divertimento inclusivo e difesa della dignità di tutti».

Tutte le iniziative sono state realizzate in collaborazione con le associazioni partecipanti al tavolo di coprogettazione del Comune di Bergamo: Anffas Bergamo, Omero, Associazione Genitori Presolana Acca, Phb, Spazio Autismo, Uici, Associazione Genitori Costruire Integrazione, Uildm, San Paolo In Bianco, Aipd, Cbi, Aatc, I Pellicani, Adb, Dinamico, Ens, con la partecipazione speciale del Collettivo Roboante e del Liceo Classico Sarpi. «Questa ricorrenza – ha detto l’assessore alle Politiche sociali, Marcella Messina – è un’opportunità per la comunità di partecipare al lavoro di chi costruisce quotidianamente opportunità e relazioni di emancipazione per le persone con disabilità e di guardare alla disabilità come un tema di diritti e di uguaglianza».

Alessio Malvone
ARTICOLO ESTRATTO DA L’ECO DI BERGAMO

image_pdf[ versione PDF ]