Una meravigliosa esperienza

In occasione dell’apertura della prima settimana speciale dedicata interamente all’approfondimento dei 5 sensi,

i ragazzi delle classi prime medie della scuola Conventino-La Sorgente hanno vissuto un’esperienza molto particolare: grazie all’intervento degli atleti dell’associazione Omero Bergamo si sono infatti cimentati nel torball.

Con questa esperienza i ragazzi sono riusciti a comprendere le
difficoltà che le persone non vedenti e ipovedenti si trovano ad
affrontare quotidianamente, senza però per questo dover rinunciare ad una vita piena e ricca di amicizie, soddisfazioni e successi.

Una volta tornati in classe i ragazzi hanno avuto modo di esprimere insieme all’insegnante le sensazioni e le emozioni provate durante questa magnifica esperienza.

Con questo breve scritto vorremmo dare un rimando riguardo al
progetto da voi organizzato per l’Istituto Comprensivo di Trescore
Balneario
. In particolare restituiamo l’esperienza vissuta dai
bambini della classe 4°C, che per primi hanno goduto della vostra
compagnia.

Gli alunni si sono dimostrati altamente interessati al progetto,
sensibili al tema portato e molto motivati alla partecipazione;
introdotta al gioco del Torball, la classe ha conosciuto un nuovo
sport e ha vissuto un’esperienza ludica diversa rispetto alla quotidianità, in un contesto di completo silenzio.

In un momento di discussione con la classe è emerso grande
entusiasmo
: per l’attività proposta, per le straordinarie capacità
degli atleti, per i cani che li hanno accompagnati.

Molteplici sono le emozioni che gli alunni hanno riportato e che
hanno avuto il piacere di comunicarvi con messaggi e disegni,
riportati in seguito.

Il progetto ha sorpreso ed ha insegnato qualcosa anche a noi
docenti, che abbiamo goduto della vostra presenza, conosciuto la
vostra associazione e apprezzato il coinvolgimento dei bambini in
un’attività che sicuramente ha segnato il percorso di ognuno di
loro.

Con la speranza di poter partecipare nuovamente alle vostre
iniziative, vi ringraziamo vivamente.

Le insegnanti della 4°C

Qui di seguito i commenti di alcuni ragazzi che hanno
partecipato:

“Attraverso questo gioco ho capito che le persone non vedenti,
ma anche con un handicap in generale, possono vivere una vita
normale come tutti noi.”

“Giocare con la benda sugli occhi non è stato facile. Inizialmente
ho provato un po’ di paura, tutto intorno a me sembrava così
silenzioso e tranquillo. Quando gli atleti ci hanno raccontato la
loro esperienza sono rimasta stupita: non pensavo fossero in
grado di fare una vita normale come tutti noi e la cosa mi ha reso
molto felice.”

“L’esperienza del torball mi ha permesso di capire le difficoltà a
cui vanno incontro ogni giorno le persone non vedenti.”

“Questa esperienza insieme ai ragazzi dell’associazione Omero
mi è piaciuta molto e mi piacerebbe ripeterla. Mi ha stupito come
gli atleti abbiano dei riflessi così pronti e come siano capaci di
trovare la palla senza vedere”

“Giocare a torball è stata una fantastica esperienza. Sono rimasto
stupito dalla bravura degli atleti: tiravano e paravano la palla con
agilità e perfezione… era come se vedessero. E’ stata davvero
un’occasione unica e spero di poterla rifare al più presto”

“Vorrei ringraziare gli atleti del torball perché grazie a loro ho
capito che tutte le difficoltà si possono superare e che nella vita
non bisogna abbattersi mai.”

Ringraziamo gli atleti dell’associazione Omero Bergamo per
averci dato l’opportunità di vivere questa magnifica esperienza
con la speranza che questa occasione possa ripetersi al più
presto

Dario Merelli
image_pdf[ versione PDF ]